martedì 17 luglio 2012

le brioches sicule



Incuriosito da tanto interesse in rete e in occasione di una vacanza in quel di Sicila, ne ho assaggiate tantissime a destra e a manca (con somma gioia della bilancia). 
Inutile dire che la tipologia e la qualità variano parecchio anche nella stessa zona, ma un denominativo comune è la morbidezza, caratteristica principe di un impasto molle (preparatevi ad imprecare nella formatura...).
Ho voluto prima riprodurre quelle a mollica bianca, che mi è capitato di provare nel catanese (buone quelle di un bar, forse l'unico, a Carrubba, da monumento anche la granita di mandorle).
Si tratta di un impasto semplice, suscettibile di parecchi miglioramenti, ma ne parliamo in seguito, per ora ho voluto attenermi all'originale.

Ingredienti per ca. 11 pezzi:

500gr farina 00 forte (w 330 molino Rossetto – Caputo rossa – manitoba del super)
265gr latte intero
1 uovo medio
80gr zucchero
75gr burro (di cui 20gr fuso)
15gr strutto
10gr lievito fresco
10gr sale
3 cucchiaini colmi di miele fluido
½ stecca di vaniglia
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Per la lucidatura:
1 uovo, 1 cucchiaio abbondante di latte e un pizzico di sale, miscelati insieme.

Incidiamo la bacca, raschiamo i semini e mettiamo tutto nel latte, insieme ad un cucchiaino dello zucchero previsto. Portiamo quasi ad ebollizione, spegniamo e lasciamo raffreddare coperto.

Togliamo via la bacca, ripristiniamo il peso del latte, aggiungiamo il lievito, sciogliamo il tutto ed amalgamiamo 245gr di farina (presa dal totale). Copriamo e portiamo a maturazione.

Quando sulla superficie apparranno dei solchi netti, aggiungiamo un cucchiaio di zucchero e poco più di metà della farina rimasta. Avviamo la macchina con la foglia a bassa velocità, dopo un paio di minuti portiamo la velocità a ca. 90 rpm e lasciamo formare il glutine.
Ad impasto quasi incordato, aggiungiamo l’uovo battuto, in tre volte, seguito da una parte di zucchero e, dopo qualche secondo, dalla farina sufficiente a mantenere la consistenza. Ad ogni inserimento dei tre ingredienti, attendiamo che l’impasto ritorni elastico e ribaltiamolo nella ciotola, prima del successivo. 
Con l’ultima parte di uovo uniamo anche il sale.

Esauriti i tre ingredienti, aggiungiamo il burro morbido (ma non in pomata) in due volte, a piccoli pezzi e ribaltando la massa ad ogni porzione.

Inseriamo allo stesso modo prima il burro fuso lentamente, poi lo strutto, il miele, seguito dall’estratto di vaniglia.

Ad impasto incordato, montiamo il gancio  ed impastiamo fino ad ottenere il velo, ribaltando l’impasto a metà lavorazione (ca 2')

.

Arrotondiamo, trasferiamo in una ciotola, copriamo e dopo 30’ trasferiamo in frigo (4 – 5°) da 6 a 12 ore.

Riportiamo a temp. ambiente per un’oretta, poi diamo un giro di pieghe del tipo 2, senza serrare eccessivamente. Mettiamo le pieghe sotto, arrotondiamo delicatamente e copriamo a campana.




Dopo 15’, spezziamo in pezzature da 90gr




 ed arrotondiamo stretto.
Ripartendo dalla prima, rotoliamo sotto il taglio della mano, fino a staccarne un pezzetto di ca. ¼.
Rendiamo conica la base della sfera piccola e serriamo quella grande sigillandone la base tra pollice e indice.





Infariniamo pollice, indice e medio della mano sinistra, infiliamole unite al centro della pallina grande, divarichiamole delicatamente ed infiliamo il cono della sfera piccola nel foro che si sarà creato. Rilasciamo e rifiniamo la forma.




Trasferiamo in una teglia rivestita di carta forno, copriamo con pellicola e lasciamo quasi triplicare a 28° (di questi tempi la casa è un perfetto lievitatore ;), pennelliamo con la lucidatura ed inforniamo a 170° fino a cottura (ca. 15 – 17’).



Sforniamo e lasciamo raffreddare su una gratella.

Congelate non appena raffreddate, durano un mesetto.


112 commenti:

  1. Buongionro Adriano,
    le brioche con il tuppo!!
    che bontà!
    Ben rientrato
    un caro abbraccio

    RispondiElimina
  2. Adriano che magia!!!! rieccoti!
    queste ho provato a farle con voi...adesso mi vine voglia di ritentare!
    bentornato, un abbraccio !

    RispondiElimina
  3. che buone,faccio anche io come te e poi le congelo così quando le voglio sono subito pronte e fragranti

    RispondiElimina
  4. Finalmente sentivamo tanto la mancanza di una tua ricetta:subito salvata! Elisa e Linda

    RispondiElimina
  5. Bentornato e che rientro! Col "tuppo" proprio!
    Caterina e Monica

    RispondiElimina
  6. Adriano, certa che saranno mitiche :) mi tocca provarle al più presto!
    Grazie, e buona estate.
    Rossella

    RispondiElimina
  7. salve maestro adriano...
    ho avuto modo di gustarle in sicilia queste deliziose brioches col tuppo ma non mi sono mai cimentata..
    chissà forse un giorno mi imbatterò in questa golosità..
    lia

    RispondiElimina
  8. ci sei mancato tanto.... bentornato!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Riquisimosss estos brioche y la esplicacion fotográfica del boleado muy buena.

    Saludos desde Bilbao.

    Virginia "sweet and sour"

    RispondiElimina
  10. Grande Adriano!
    Anche io in Sicilia ne ho provate diverse (le migliori a Belpasso), ma son sicuro che queste tue saranno superlative.
    A presto! :))

    RispondiElimina
  11. Sono buonissime! Le hai riprodotte benissimo! Conosco il bar di Carrubba,fanno anche arancini molto gustosi,ma in bar abbastanza conosciuti e segnalo Spartini per chi si trova a passare da Macchia di Giarre,si trovano sempre ottime.Ciao.

    RispondiElimina
  12. Adriano queste brioche le adoro! Le ho mangiate in Sicilia e mai più dimenticate. Devo rimettere le mani in pasta.... (il problema sono i vestiti che poi non entrano...di questo sappi che sei un pò colpevole) Un bacio!

    RispondiElimina
  13. Bhè se lo dici tu che nella formatura c'è da impazzire ci credo :-D

    RispondiElimina
  14. Ecco, mi vedo già sotto il sole della Sicilia con una di queste in mano piena di granita al caffè!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  15. Che bontà!!
    Le proverò al più presto!!
    Grazie Maestro
    Un abbraccio
    Anna

    http://profumidipasticci.blogspot.it

    RispondiElimina
  16. Segno la tua ricetta, Adriano, e speriamo mi riescano! :D Complimenti e bentornato! :)

    RispondiElimina
  17. Buongiorno Adriano!!!!!!
    Che meraviglia!!! Mi piacerebbe provare!!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  18. ciao Adriano caro ^_^ ma tu si tu bravissimo proprio in questi giorni pensavo alla brioche co tuppu e sai che ti dico con te sono certa di non sbagliare, vado a mettermi al lavoro con il mio kenwood
    preparati ad un po di domande adesso mi studio prima la ricetta e se ho bisogno chiedo
    e poi ti faccio vedere come mi viene
    un bacione

    RispondiElimina
  19. Ho appena fatto quelle di Paoletta e ora mi "tocca" provare le tue!!! Non c'è storia!!!! Il mio folto gruppo di "sbafatori" esulterà ;-). Buone e meritate vacanze...e un grosso abbraccio. A presto!

    RispondiElimina
  20. da siciliana doc non posso che ammirare la nostra mitica brioshe co' tuppu!!!
    Ciao, sono EVELIN del blog
    http://lacucinacomepiaceame.blogspot.it/
    ti ho trovato per caso, ma è stata davvero una bella scoperta :) sei proprio brava!,mi sono unita ai tuoi follower con vero piacere ;) vieni a trovarmi, ciaooo

    RispondiElimina
  21. Ciao Adriano, e bentornato anche da parte mia!Lo sai che continuo a studiare panificazione più sul tuo blog che sui pochi libri decenti vero? ;)
    Approposito di brioche, sto mettendo a punto una versione con LM a doppio impasto..hai in mente di pubblicare niente al riguardo o posso disturbarti con qualche domanda?? A presto!
    Daniel

    RispondiElimina
  22. mi salvo la ricetta che è ottima con tutti i passo passo :)

    RispondiElimina
  23. Meravigliose,le voglio provare al più presto!
    Donatella

    RispondiElimina
  24. Coplimenti,finalmente delle brioche fatte a regola d'arte.Complimenti anche per il blog,da oggi ha una nuova fan.Se ti va puoi passare nel mio blog,mi farebbe piacere!

    RispondiElimina
  25. Bentornato Adriano!!!, Perfette, come al solito, aspetto che ci sia meno umidità (qui in padania è terribile!!!!!) e poi ci provo :)

    RispondiElimina
  26. Ciao! Son capitata qui per caso, incuriosita dalle tue brioches col tuppo, visto che anch'io ne ho fatta una variante tempo fa...e il tuo sito..mi ha stregata! adoro cucinare dolci ma preferisco mangiare cibi salati/panini/pizze etc..ma sono negata per la panificazione. Vedere i tuoi post...mi ha fatto venire l'acquolina in bocca!! ti seguirò sicuramente, anche perchè descrivi i procedimenti molto dettagliatamente e forse riuscirò a fare qualcosa anch'io, seguendo i tuoi consigli!
    A proposito di questa ricetta, ciò che mi incuriosisce è provare la brioches con la mollica gialla, che ho assaggiato a Campobello. Non è che per caso hai intenzione di postare anche la ricetta di quella? ;)
    Complimenti comunque per il sito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa, mentre ti scrivo ho le brioches quasi a lievitazione ultimata. Prossimo passo: la cottura ovviamente. Ho sempre pensato che quelle a mollica gialla fossero semplicemente cariche d'uovo ma, non ricordo in quale ricetta, ho letto che veniva aggiunto un pizzico di zafferano. Dovro' assaggiare le mie per esserne certo. Se cosi' fosse la ricetta di Adriano il mitico rimarrebbe la stessa (a parte l'aggiunta dello zafferano. Al maestro smentire o confermare :)

      -Diego

      Elimina
  27. Che bello vedere una nuova ricetta qui! Da provare!

    RispondiElimina
  28. che bello trovare un nuovo post! e che belle brioches, anche se per ora il forno preferisco lasciarlo spento...

    RispondiElimina
  29. sono da monumento queste brioches
    A.

    RispondiElimina
  30. Ciao, Adriano, felice di rileggerti! Ma "portiamo la velocità a circa 90 rpm"? Aspetto che me lo spieghi per provarle al più presto, grazie. Ti abbraccio.
    Annalisa

    RispondiElimina
  31. franci e vale, la ricetta è diversa.

    ross, sai che aspetto di vederle, vero?

    virginia, muchas gracias!

    piè, quelle di Belpasso, a mollica gialla, le ho provate anch'io, queste sono diverse.

    la cucina di papavero, a saperlo...a Giarre ci passavo di continuo...

    pasqualina, si, dai la colpa a me...

    stella, in realtà il riposo in frigo rende la cosa più semplice ;)

    mamma papera, a esposizione ;)

    barbarella, ti tocca, ti tocca...;

    evelin, ti ringrazio, però...masculo sugno!!!

    daniel, ne ho iuna con il lievito di birra che metto tra un po, ma se vuoi sono qui.

    dory mary, vengo a curiosare.

    elisa, si, prossimamente provo quelle a pasta gialla, ma ho come riferimento il catanese ed il palermitano.

    annalisa, sono i giri della macchina, 0 per minuto.

    Grazie a tutti gli altri!

    RispondiElimina
  32. Ciao Maestro,
    quanta carta sprecata.
    Mi ero ripromesso di portare in ufficio lunedì prossimo per festeggiare il mio compleanno granita catanese e brioche con il tuppo.
    Ho trovato in rete2-3 e le ho studiate dopo averle stampate......carta sprecata!
    Qui siamo, come al solito anni luce avanti, da catanese doc.
    Ti mando la granita? Pistacchio, mandorla o cioccolato?????

    RispondiElimina
  33. BENTORNATO! Mi metto subito al lavoro.
    Romi

    RispondiElimina
  34. Ciao Adriano :D bentornato ...bellissime brioches..un abbraccio
    Lucy

    RispondiElimina
  35. toro1811, fatto da un catanese, è un complimentone.
    ehm...per forza solo una?

    romi, fammi sapere ;)

    lucy, le provi?

    RispondiElimina
  36. '_' Adriano...certo che le provo...io non ti ho più disturbato...ma le tue ricette oramai le ho realizzate quasi tutte :D mi manca proprio poco...Io ti mando un bacetto ...mio marito un abbraccio ;)
    PS:naturalmente ti farò sapere per le brioches

    RispondiElimina
  37. Ciao Adriano, bella e dettagliata come sempre questa ricetta, da provare al più presto, grazie.
    Buone vacanze, ciao Lucia

    RispondiElimina
  38. wow!! quante belle ricette mi hai conquistata da oggi hai una fans in più se ti va vienimi a trovare ciao rosa

    RispondiElimina
  39. Ciao Adriano e ben tornato!!! Grazie per questa ricetta. La proverò di sicuro. in rete ne ho trovate altre ma le tue ricette sono speciali!!!
    Spero di poter fare presto un'altro corso con voi. Baci Anna

    RispondiElimina
  40. Ciao Adriano :D sono buonissime e morbidissime anche il giorno dopo :D (non ci stavano tutte in freezer ).Per quanto riguarda il risultato della realizzazione... a te il giudizio ...grazie di tutto..alla prossima. Un abbraccio Lucy
    Ecco le foto: http://www.flickr.com/photos/65465813@N08/7642106312/in/photostream

    RispondiElimina
  41. Grazie...lo sai che per me conta il tuo giudizio...la famiglia è di parte !!! Non mi resta che aspettare la prosima ricetta :P ed augurarti buone vacanze.
    Baci Lucy

    RispondiElimina
  42. Queste le debbo proprio fare! anche perchè da siciliana ne risonosco il sapore. Grazie per la spiegazione tecnica per realizzarla. Anche la ricetta e ben equilibrata, senza tante uova.
    Perfetta, come sempre lo sono le tue ricette generosamente ben spiegate.
    Ciao
    silvana

    RispondiElimina
  43. complimenti Adriano sono uno sballo. Da fare assolutamente e ..al piu' presto!!!

    RispondiElimina
  44. Le ho fatte usando la soffiata Marino e 10 ore di maturazione in frigo a 5°, la formatura non è poi così difficile, l'hai spiegata benissimo!
    Eccole qui appena sfornate:
    http://www.flickr.com/photos/da_lu/7663084176/in/photostream
    L'interno è davvero ultrasofficissimo,il sapore non è molto marcato, ma daltronde vanno farcite, e approposito stasera le testo col gelato ;)
    Grazie per la ricetta Adriano, e anche per tutte le altre dritte che mi hai dato, ogni tanto ti stresso ma abbi pazienza...
    Daniel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. daniel, molto belle, com'è andata col gelato?

      Elimina
  45. ciao Adriano, queste sono le mie brioches, che ne dici, possono andare??
    http://img717.imageshack.us/img717/2016/dsc00150im.jpg
    http://imageshack.us/photo/my-images/842/dsc00145ly.jpg/
    grazie ciao Lucia G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lucia, bellissime anche le tue, complimenti!

      Elimina
    2. grazie Adriano, i tuoi complimenti mi gratificano,ciao Lucia G.

      Elimina
    3. grazie Adriano, i tuoi complimenti mi gratificano,ciao Lucia G.

      Elimina
  46. A vederle sembrano proprio uguali alle brioches originali, te lo dice una siciliana! Sono sicura che saranno anche buonissime, con il gelato o con la granita! Complimenti!

    RispondiElimina
  47. Fatte!!! Che dire? Superlative!!! Come sempre, sei SUPER MITICOOO!!! Grazieeee!!! Domani le pubblico su FB :-)

    RispondiElimina
  48. Ciao Adriano! questa è la prima volta che commento anche se ho provato tantissime tue ricette, sempre perfette! Ho fatto le brioches!! ti ringrazio tantissimo! qui il link dove puoi vederle! :-)
    http://www.bollibollipentolino.com/2012/08/le-brioches-col-tuppoper-la-granita.html
    grazie ancora!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, non male ma in formatura vanno strette di più.

      Elimina
  49. Ciao Adriano, che belle che sono le tue brioche. A proposito volevo dirti che solitamente nei bar siciliani usano l'aroma panettone per profumarle, sostituibile con buccia di arancia e/o di limone e vengono molto ma molti simili come profumo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so, ma cerco di evitare aromi non naturali...

      In quelle che ho provato però non ho sentito buccia di agrumi ma solo un forte aroma dato dalla vanillina.

      Elimina
  50. Ciao!Ho le brioche in corso.Ho avuto un problema con il lievitino.Tu scrivi "Quando sulla superficie apparranno dei solchi netti" ed io ho atteso di vedere i solchi,invece la massa è venuta su come un pallone e iniziava a dar segni di fermentazione.Forse il caldo eccessivo?Cosa sarebbe dovuto succedere invece?

    Doralix

    RispondiElimina
  51. Ciao!Ero sicura di aver postato un commento ieri sera,ma è sparito.A parte i 2 piccoli problemi che ho avuto,alla fine il risultato è stato magnifico!Perfette brioche da inzuppo o da gelato,come si usa anche qui in Calabria!Ho letto nei commenti che in Sicilia usano aromatizzarle con arancia e limone,ma qui da noi no,per poterle appunto sposare bene con il gusto della granita di mandorle o del gelato.Grazie per questa ottima ricetta!

    RispondiElimina
  52. buone le immagino già ripiene di un ottimo gelato

    RispondiElimina
  53. Caro Maestro,
    è con stima e riconoscimento che ti ho dedicato il Premio Amico, anche se credo non sia nel tuo stile ricevere nulla.
    Quando hai tempo vai nel mio post http://profumidipasticci.blogspot.it/2012/08/premio-amica.html
    sicuramente ti sarà tutto molto più chiaro
    Con affetto
    Anna di Senigallia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio infinitamente, ma come sai, premi, contest ecc. non fanno per me...

      Elimina
  54. l'unica cosa che non ho capito è come fare a capire quando il primo impasto è a maturazione, come faccio a riconoscere i solchi? uns bella foto sarebbe d'obbligo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è difficile, la superficie presenta un bel po' di fossette.

      Elimina
  55. Ciao adriano, le tue ricette sono tutte fantastiche, di sicura riuscita, volevo sapere se è possibile mettere al posto dello strutto, il burro ?
    Grazie infinite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, perdi però un po' della sofficità.

      Elimina
  56. Bello il tuo blog ed interessanti le tue realizzazioni! Mi unisco fra i tuoi sostenitori in modo da non perdermi le tue prossime ricette!
    Ti aspetto da me, se ti va, per condividere insieme tante nuove idee culinarie!
    A presto!

    RispondiElimina
  57. Vorrei rifare le tue brioche,però avrei bisogno anch' io di capire bene quando il primo impasto è maturo,dal momento che solchi non ne ho visti....grazie!

    RispondiElimina
  58. OT se ti va di rispondere e tempo ho una domanda su un argomento un po vecchio sulle graffe.
    Grazie Salvatore.

    RispondiElimina
  59. Una sola parola per riassumere il gusto, il sapore, la bellezza di queste brioches: Stupende!!!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  60. Ciao Adriano.
    tra le tue altre provo anche queste, ma non ho lo strutto. Può andare il burro? Richiesta non nuova...ma mi dico che l'unione fa la forza! ;)
    Bravo! Come sempre.
    Aspetto pure la versione migliorata. Son curiosa di vedere come sistemi dosi e ingredienti. C'è sempre da imparare da te! Seguendoti da tempo ho scoperto, imparato e provato e quest'estate ho azzardato i panettoni con l'olio anziché il burro. Esperienza esaltante e risultato gran buono!!!Grazie!
    Sabrina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere, hai foto?
      Il burro, si, si perde però qualcosa.

      Elimina
  61. nel mio blog ho fatto un post, http://stelladianice.blogspot.com/2012/08/panettone-estivo-al-limone-e-zenzero.html?utm_source=BP_recent e quindi qualche foto è lì, volendo dove te le potrei mandare?
    Ciao. Sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella mollica, complimenti!

      Elimina
    2. Grazie Adriano.
      I tuoi complimenti sono davvero incoraggianti.
      Alla prossima e buona giornata.

      Elimina
  62. Caro Adriano complimenti anche per questa meravigliosa ricetta, la devo provare subito, fino ad ora tutte le tue ricette son state un successo, ho avuto qualche difficoltà con alcune ricette per pizza, non avendo un impastatrice a volte, per me, può risultare difficile impastare, non ho delle braccia così forzute ahhaha.. forse per questo Natale riuscirò a regalarmi la tanto agognata planetaria, posso chiederti cosa ne pensi del nuovo modello di Kitcheaid, quello con la ciotola grande da 6.9L? Osservando il gancio per impastare si riesce a capire se va bene per gli impasti o se rischia di strapparli? Meglio a questo punto un Kenwood? Grazie mille, e ancora complimenti, Michela :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, ho avuto modo di provare varie Kitcheaid e preferisco la qualità di impasto della Kenwood.

      Elimina
    2. Grazie mille Adriano per la tua risposta!! Gentilissimo come sempre! Comincerò a guardare anche i modelli Kenwood allora!! Auguri di buone Feste!

      Elimina
  63. sono un alieno:non so cucinare:(22 settembre 2012 16:24

    Posso permettermi di unirmi alla domanda di Michela?
    Ho la possibilità di acquistare un 'usato sicuro' da una amica in procinto di trasferirsi per lavoro:
    è il kitchenaid da 4,8L.
    E' un buon prodotto? oppure è meglio puntare al Kenwood km oo5,che mi pare sia quello in suo possesso?
    Di strada in cucina ne ho veramente tanta da fare ma vorrei partire con gli strumenti giusti!
    Mi può aiutare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo su, preferisco la Kenwood, ma prenderei quella con la ciotola grande.

      Elimina
  64. ciao, sono siciliana e ti passo volentieri un trucco per le nostre brioches...bisogna aggiungere dell'aroma panettone, infatti in tutte le pasticcerie il buon profumo è dato anche da questo aroma che caratterizza questi dolci.
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio ma gli aromi chimici sono scorciatoie che preferisco evitare.

      Elimina
  65. ciao,ho preparato il pan babà con la ricetta che ho trovato nel tuo blog,(che evidentemente ho menzionato)ti chiedo, gentilmente, se potessi venire a commentare nel mio blog la tua ricetta; ti ringrazio e ti auro una buona serata

    RispondiElimina
  66. sono spettacolari queste brioches!!! e la spiegazione passo passo...bellissima!
    abbracci

    RispondiElimina
  67. Le preparero' al piu' presto complimenti ISABELLA

    RispondiElimina
  68. Ciao Adriano..ero alla ricerca di un blog su lievitati ed affini...ed eccoti!!!
    A dire il vero farei volentieri anche un bel corso..se passi da queste parti (Treviso) pliiiissss fammi uno squillo!!
    Grazie,
    Mi sono unita ai tuoi lettori così, intanto, imparo!
    ^_^ Roberta http://facciamocheerolacuoca.blogspot.it/

    RispondiElimina
  69. Ma questo blog è una meraviglia!!!! Complimenti, ti seguirò con estremo piacere.
    Sabina

    RispondiElimina
  70. Le mie brioches sicule.... che 'estate spariscono con la granita!!! Ti scopro per caso ma non posso fare a meno di unirmi ai tuoi lettori ;-)

    RispondiElimina
  71. ciao, è da un pò che seguo il tuo blog e mi sono appassionata alla panificazione, avendo solo il bimby capisco di essere un pò limitata, vorrei comprare il Ken ma in commercio ci sono tanti tipi, mi aiuti nella scelta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Utilizzo il KM 020 e mi ci trovo bene.

      Elimina
  72. Che delizia, ho scoperto solo ora questo blog ma lo seguirò attentissimamente d ora in poi..complimenti.

    RispondiElimina
  73. Questo blog è una fonte inesauribile di succulente prelibatezze!! Meno male che non viviamo vicino, mi mangerei teglie intere di brioches!!! :-)

    RispondiElimina
  74. Sempre bellissimi i tuoi post!
    Grazie!!

    RispondiElimina
  75. Ti ho appena scoperto e che vedo questa delizia!! Mamma mia amo questo brioches... complimenti per il blog ora lo spulcio tutto! :)

    RispondiElimina
  76. Il tuo sito è una vera accademia, grazie per condividere le tue preparazioni con noi blogger :)

    RispondiElimina
  77. Ciao Adriano guardando il tuo sito mi hai fatto venire la passione per la panificazione, ho in proposito alcune domande da farti:mio marito mi ha regalato il Kenvood KM770 1200 cosa ne pensi? la foglia di cui tu parli per iniziare gli impasti è la frusta K? Io ho un pò di difficoltà a reperire la farina di cui tu parli però al MD ne vendono le farine per ogni tipo di impasto, io per fare la pizza acquisto quella con dicituta "per pizza", non so però se posso usarla per i lievitati dolci,ma le tue farine le trovi al Super? Scusa per le tande domande e saluti Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria, è una buona macchina, vedrai che ti darà soddisfazioni.
      Si, la foglia è la frusta a K.
      La farina per pizza va bene per lievitati dolci poco carichi di zucchero e grassi. Per questi ultimi va meglio una manitoba, magari tagliata con la prima farina se il lievitato non è molto pesante.
      Le farine che utilizzo sono reperibili online qui
      http://www.molinorossetto.com/punto_vendita_mondo_molino_shop

      Elimina
  78. Ho preparato queste brioches e ormai fanno parte dall mio ricettario , a casa piazcono a tutti specialmente a le mie bambine.Grazie per condividere queste buone ricette.

    RispondiElimina
  79. Buone le brioches di Carruba! Con la granita di mandorle e caffè sono una delizia!

    RispondiElimina
  80. Grazie mille x questa ricetta!! E complimenti:) Sono siciliana e abitando dalle parti di Bergamo, le brioche sono tra le cose che mi mancano di più (assieme ai panini al burro e ai panini di cena, che però sono riuscita a riprodurre prendendo spunto dai tuoi panini semidolci ;)). Oggi le ho finalmente provate, dopo tanto tempo a studiare la ricetta. E' stata un'ammazzata fare tutto a mano, però ne è valsa la pena!! davvero buonissime!! molto molto somiglianti a quelle che mangio giù a Messina :)) Ho avuto qualche problemino con i "tuppi": dopo la lievitazione alcuni erano un pò storti e un paio sono proprio caduti... va beh, evidentemente devo fissarli meglio... e una volta raffreddate, si sono un pò "raggrinzite".. questo da cosa potrà dipendere? Considera che qui ho un forno a gas, per cui il calore proviene solo da sotto e per farle colorire in superficie devo lasciarle un paio di minuti con il grill... forse x questo? Il gusto e la consistenza comunque davvero ottimi!! Se posso permettermi un paragone... forse più dolci di quelle "originali" e, nonostante io abbia usato il burro bavarese, comunque se ne avverte il sapore, cosa che non succede quando le compro. Forse perchè al bar non usano il burro, ma qualcos'altro di più economico? :/
    Grazie davvero x questo regalo :))
    A presto,
    Manuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, purtroppo spesso usano margarina.
      Probabile siano state infornate avanti di lievitazione.

      Elimina