lunedì 1 dicembre 2008

stampi per panettone



Dato il periodo prenatalizio, metto qui un sistema semplicissimo per autocostruire degli stampi da panettone in modo rapido.

Materiele occorrente:
carta forno
spillatrice per carta
forbici

Per uno stampo da 1/2kg

Tagliamo una striscia di carta forno lunga ca. 60cm e pieghiamola in due dal lato lungo.

Partendo dalla piegatura, misuriamo 10,5 e tagliamo per il lungo la parte eccedente, ci rimarranno due strisce larghe 2 - 3 dita e lunghe 60cm. Dividiamole in due.
Avremo ottenuto 4 strisce da 30cm.

Poniamo un foglio di carta forno su una placca e disponiamo le 4 strisce a stella, mettendo la piegatura naturale sotto.
Spilliamo al centro, in modo da fermarla.




avvolgiamo a palla 550 - 600gr di impasto fino a raggiungere 13,5cm di diametro. Avvolgiamo intorno la carta forno piegata in due, con la piegatura in basso, fino ad ottenere un tronco di cilindro che la contenga di misura. Spilliamo bene.
Diamo un'ulteriore stretta alla sfera di impasto e poniamola, con precisione, al centro della stella.




Ripieghiamo sull'impasto tutti i lembi




ed infiliamo il cilindro con la piegatura in basso, raddrizziamo le strisce sul cilindro e spilliamo.





Evitiamo di sollevare lo stampo e spostiamolo delicatamente, sempre su carta forno.

Tutta l'operazione richiede pochissimi minuti e a cottura finita si può tranquillamente infilzare e capovolgere.

Le dimensioni dello stampo da 1kg sono: diametro 18cm - h 12cm / 750gr: d. 16cm - h 10,8
Per questi ultimi consiglio di raddoppiare le fettuce della base ed appuntare ognuna di esse con tre spilli.
Per sicurezza, avremo cura di appuntare gli spilli dall'esterno verso l'interno, di modo che non possano finire nel panettone.
/
Gli stampi da panettone sono, in effetti, leggermente conici, la bocca ha un'apertura di ca. 1cm più della base. Se vogliamo essere precisini, appuntimamo la base con uno spillo, regoliamo la bocca ed spilliamo anche questa, fatto questo potremo completare la chiusura.

97 commenti:

  1. Alessandro tutto ciò è geniale! Grazie per il suggerimento!!! Buona serata Laura

    RispondiElimina
  2. Semplicemente grandiosa!! Complimenti per il blog.
    Ciao Bruno

    RispondiElimina
  3. caspita......ke geniale!!!!!!!! questa giuro che la provo,mi piacciono le cose ke sembrano difficili.... e poi invece scopri ke è tutto così semplice....

    RispondiElimina
  4. Sei geniale!!
    ormai ti seguo come un cagnolino :D

    RispondiElimina
  5. Un'idea davvero geniale, me la copio subito. Bravissimo!!

    RispondiElimina
  6. Considerando che a Milano non riesco a trovare stampi per panettone, ti ringrazio per la dritta

    RispondiElimina
  7. Ma grazie, grazie e ancora grazie....sono giorni che giro per trovarne uno, non mi sbaglio quando dico che sei unico!ciao Luisa

    RispondiElimina
  8. Ciao! bè, dato che avevamo intenzione di provare a fare il panettone...questo tuo suggerimento ci è davvero molto utile!!
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Carino questo sistema,mi sa che lo dovrò usare,quest'anno il mio fornitore ha deciso di farmi stare senza grrrrrrrrrr.
    complimenti ancora.

    RispondiElimina
  10. Davvero geniale! Io volevo cimentarmi nella preparazione del panettone ma ho sempre rinunciato perchè dovre andare a cercarmi gli stampi, che non trovo mai. adesso vedremo... grazie Adriano!

    RispondiElimina
  11. Questa è una bellissima idea, ciao sono quella del lievito madre e se il lavoro me lo consentirà ho in mente di realizzarne uno con questo procedimento. Per Lydia: a Milano non è che non se ne trovano: te li vendono a pacchi di 50!

    RispondiElimina
  12. Adriano sei un mito!!!!!!!!!!!!ho appena postato i risultati del pandoro e panettone in cook around!!!!!!!(mi chiamo Quattroc)sei divino!!!!!!!!!!
    non c'è la ricetta del panettone ed io non mi sono neanche permessa a inserirla se vuoi tu? sei il benvenuto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Mi hai letto nel pensiero proprio qualche giorno fa stavo pensando a dove trovare la carta per il panettone o come poterla fare...poi x fortuna ci hai ensato tu! grazie grazie Mito!!!

    RispondiElimina
  14. sei un genio....cosa faremo senza di te e i tuoi preziosi consigli!

    RispondiElimina
  15. Ma possibile che non c'è un modo per inviarti una normale e-mail??
    Ti volevo dire un segreto!

    RispondiElimina
  16. grazie a tutti, ma è solo un pò di manualità.

    Quattroc, non c'è problema, basta inserire il link alla pagina della ricetta.

    kok, come non è possibile, la mail l'ho messa un sacco di volte, c'è pure su gennarino.
    ovarriato(chiocciola)libero.it

    RispondiElimina
  17. Che ingegno....!
    Complimentissimi!
    Rox

    RispondiElimina
  18. Oramai non ho più scuse, l'impastatrice ce l'ho, non è granchè ma c'è! Lo stampo mo' pure... grazie Adrianooo!!

    p.s x KOKKO... scusi lei, non può venire QUI a dire ad Adriano che hai un segreto per lui, e io??? :((((((((((((((

    RispondiElimina
  19. Grande Adriano!!!
    Grazie dell'idea, da copiare.

    RispondiElimina
  20. Grazie per questo post e non solo,ti seguo da molto con grande soddisfazione.Mi sono permesso di inserire un link nel mio piccolo blog.
    Da anni faccio il cuoco e solo negli ultimi tempi mi sono dato alla panificazione e derivati.Se ti va di fare un giretto ne sarei onorato.
    P.S-mi sono copiato pure la mail,in caso di s.o.s.....

    RispondiElimina
  21. meglio di McGiver!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  22. Grazie, molto ingegnoso!
    Era da un po' che ci pensavo, visto che dalle nostre parti non si trovano, ma tant'è.

    RispondiElimina
  23. Penso che i produttori di stampi di carta ti odieranno a morte ;-)
    Sei veramente eccezionale!!!
    ciao!!

    RispondiElimina
  24. grazie grazie grazie! così potrò cimentarmi anche io che non ho lo stampo :-)

    RispondiElimina
  25. E' davvero geniale... se non fosse che mi viene l'orticaria a pensare a tutti quei punti metallici a contatto col cibo... e se si staccano? D'altro canto non mi viene in mente nient'altro che possa fermare il tutto.
    E cade proprio a ciccio perché vorrei provare a fare il panettone gastronomico per Natale... Ne approfitto per chiederti se hai mai postato la ricetta nel tuo blog; siccome che sono cecata, mi aiuti?
    Grazie!
    Kim (che ti legge sempre e non commenta mai)

    RispondiElimina
  26. paolè, e tu a rosicà :))

    scucinando, vengo a dare uno sguardo.

    berso, mò te ne faccio pure uno a plissè per il pandoro ;)

    kim, se si staccano te li magni :)
    no, scherzi a parte non mi è mai successo che si staccassero, se vuoi farlo apposta non vengono via con faciltà ;)

    grazie a tutti gli altri.

    RispondiElimina
  27. Ciao Adriano!!!!!
    Davvero un ottima soluzione!!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  28. Ti ho lasciato un premio, sò che non ami i meme ma io non ho potuto fare a meno di dartelo, se ti và passa a vederlo, ciao!

    Passione&Cucina

    RispondiElimina
  29. Buonasera Adriano. Innanzitutto scusi se le lascio questo messaggio fra i commenti, purtroppo non ho trovato un indirizzo mail.
    Le volevo chiedere un aiuto in riferimento alle farine da utilizzare nelle ricette. In particolare ho provato a realizzare il pandoro sfogliato delle sorelle simili. Per quanto riguarda la lavorazione e la cottura credo sia andato tutto bene perchè aveva una bella alveolatura e inoltre non presentava striature dovute a una cattiva sfogliatura. Tuttavia ho decisamente sbagliato a miscelare le farine, infatti è venuto troppo un effetto brioche(avrebbe dovuto essere più tipo pane). Ho poi letto nella sua ricetta del pandoro sfogliato che lei consiglia la w300 per i lieviti e w350 per l'impasto. Io seguendo la ricetta delle simili ho utilizzato in totale(lieviti e impasto) w330 miscelata con un 35% di w400. A tal proposito le chiedo quale avrebbe dovuto essere una migliore miscela avendo a disposizione questi due tipi di farina e al limite quella comune da supermercato con 9,5% di proteine. Mi scusi per il poema, ma essendo inesperta volevo essere chiara il più possibile!^_^

    RispondiElimina
  30. Ottimo suggerimento !! Ciao !
    http://ricettedafairyskull.myblog.it

    RispondiElimina
  31. Ciao, sono Kim, ti disturbo ancora per dirti che ho trovato e provato il tuo panettone gastronomico, con risultati per me soddisfacenti, considerando anche che era la mia prima volta. Ora ti chiedo un cosa; vorrei prepararne uno per la Vigilia di Natale, ma a causa del lavoro non ci sto con i tempi. Ho pensato allora di fare così: comincio col poolish dal venerdì sera (giorno 19) in modo che il sabato pomeriggio posso cucinarlo. La domenica lo taglio a fette e lo congelo immediatamente. Il 24 mattina (mercoledì) lo tolgo dal congelatore e nel primo pomeriggio lo farcisco per papparmelo la sera stessa. Procedimento esatto? Attendo consigli. Grazie mille e scusa il commento fiume, ma il primo esperimento è andato molto bene e sono motivata a farne un altro :-)
    Kim

    RispondiElimina
  32. Questa è veramente un'ottima idea!!!

    RispondiElimina
  33. anna, per i prodotti sfogliati, oltre alla forza è importante l'estensibilità della farina: il parametro P/L non dovrebbe essere superiore a 0,55. Un glutine rigido sottoposto a sfogliatura, ostacola la lievitazione e lo sviluppo in forno e gli alveoli non vengono allungati come dovrebbero.
    In mancanza di altri dati sulle farine da te utilizzate, adopoererei la sola W 330, senza ulteriori tagli.

    kim, va bene come hai organissato, solo lo taglierei e conglelerei subito dopo il raffreddamento, dopo avergli dato un'oretta di frigo.

    arigrazie a tutti gli altri ;)

    RispondiElimina
  34. Troppo utile questo post..grazie mille e commplimnenti per il blog!!!
    baci
    vale

    RispondiElimina
  35. Suggerimento utilissimo, Grazie 1000!!!Buona serata:-)
    Cannelle

    RispondiElimina
  36. ciao!!innanzitutto vorrei complimentarmi per le bellissime ricette messe...in secondo luogo vorrei chiederti un favorino...ultimamente mi è venuta una fissazione pazzesca per la pasta brioche...o provato alcune ricette...buone sì, ma non erano ciò che cercavo...volevo sapere se avevi da consigliarmene una tu...ho visto che hai messo la ricetta del pan brioche ma ho paura che non vada bene per fare i cornetti...??spero in un tuo aiuto!!grazie in anticipo...
    eva

    RispondiElimina
  37. o_O
    ...wee, ma casomai si trovano gli stampi in vendita..e di tutte le forme... :-)

    RispondiElimina
  38. Salve,complimenti per la qualità e la precisione delle ricette. Ho realizzato un pan babà meraviglioso. Avrei una domanda: visto che mia figlia è allergica al latte e a tutti i suoi derivati, posso sostituire, nei lievitati, il burro con l'olio? E quale tipo? E in che rapporto?
    Grazie mille.

    RispondiElimina
  39. Ciao, volevo kiederti una cosa riguardo le focaccine aromatike...lo so ke nn è il post giusto...con cos aposso sostituire il malto? o in alternativa dove lo potrei trovare?
    grazie infinite

    RispondiElimina
  40. ho trovato per caso questo bellissmo blog e mi intrometto con una richiesta. mi sono regalata la stessa impastatrice che vedo nelle foto e mi piacerebbe imparare la tecnica del pan di spagna. velocita e tempi. ringrazio anche per le bellissime ricette
    manuela

    RispondiElimina
  41. eva, la ricetta della brioche farà parte di un altro progetto.

    ataru, mica ho capito...

    maria teresa, difficile darti una proporzione dipende dal lievitato. In alcuni casi il burro, dato il suo stato naturale solido, ha anche funzioni portanti, per cui non si può sostituirlo calcolando la sola materia grassa. Mediamente puoi regolarti sostituendo con il 50% di olio. Nei lievitati salati puoi usare quello evo, nei dolci generalmente è meglio andare sul neutro: girasole, riso o similari.

    flo, il malto si trova nei negozi di alimenti naturali. Nella ricetta delle focaccine puoi sostituire con una punta di cucchiaino di zucchero.

    manuela, la mia ricetta è:
    per stampo da 30cm
    5 uova medie
    160gr zucchero
    130gr farina
    35gr fecola di patate
    un pizzico di sale
    buccia di limone o vaniglia.
    Si montano le uova intere con lo zucchero a vel. medio/massima per ca. 10', fino a che il composto non "scrive", cioè lasciandone ricadere una parte, questa rimane poggiata su, senza incorporarsi.
    A questo punto si amalgamano le farine setacciate mescolando delicatamente dal basso verso l'alto con un cucchiaio di legno, o meglio ancora con una spatola di gomma, facendo attenzione a non smontare il composto.
    Si trasferisce il tutto in uno stampo imburrato ed infarinato, livellando la superficie e si inforna a 180° per ca. 25'.
    Fuori dal forno si lascia riposare 5', poi si sforma su una gratella.

    RispondiElimina
  42. allora attenderò impaziente...amo i cornetti!!!!

    RispondiElimina
  43. Grazie Adriano! purtroppo non so che rapporto P/L avessero le farine perchè quando le ho comprate al mulino ho chiesto solo informazioni sulla forza e la percentuale di proteine perchè inizialmente avevo intenzione di usarle per pizza e pane, oltretutto ero all'oscuro di questo ulteriore parametro delle farine.
    Comunque appena farò di nuovo il pandoro le farò sapere il risultato! A presto e grazie ancora!

    RispondiElimina
  44. Grazie della dritta davvero utile per chi non trova con faciltà questi stampi; volevo chiederti un consiglio: visto che quest'anno ho pochissimo tempo per tutto avrei concentrato la produzione di 3 pandori e 3 panettoni nella stessa giornata, il mio dubbio è "ce la farò a cuocere il tutto senza fare la nottata?". Mi sapresti consigliare più o meno i tempi? Grazie infinite.

    RispondiElimina
  45. anna, TI farò sapere il risultato ;)

    m.giovanna, se intendi impastare e cuocere nella stessa giornata, secondo me la nottata la fai. Se vuoi cuocere il giorno dopo, direi di partire con il primo impasto del panettone, seguito subito dal pandoro, di modo da non trovarti con i due impasti finali concomitanti, ma già la vedo dura.

    RispondiElimina
  46. Io dicevo fare la cottura il giorno dopo, nonostante questo è dura secondo te?

    RispondiElimina
  47. Adriano,
    leggendo i tuoi post mi è venuta una curiosità e se per caso l'avevi già detto scusa la ripetizione.
    Ma tu hai un forno professionale a vapore?
    Con un forno casalingo normale è sufficiente vaporizzare o mettere una ciotola con l'acqua?

    Grazie

    Daniela

    RispondiElimina
  48. m. giovanna, cuocendi il giorno dopo ed incrociando gli impasti, sepoffà.

    daniela, ho un normale forno casalingo e non è la stessa cosa di uno professionale, dove c'è un immissione abbondante di vapore a sportello chiuso. Il problema del forno di casa è principalmente che non appena si apre lo sportello per infornare, il vapore si scaraventa fuori. Comunque, una bella teglia larga con un pò d'acqua, qualcosa fa. Si possono anche vaporizzare le pareti, ma bisogna utilizzare acqua bollita, altrimenti il calcare col tempo rovina tutto.

    RispondiElimina
  49. ciao sono lucia

    aricomplimenti per questo sito bellissimo, e che foto... mi sono ritrovata a mordicchiare il mouse guardandole
    ma veniamo a noi...
    sabato faccio il panettone e lo vorrei cuocere in questa forma faidate ma se nella mia imbranataggine sbaglio e mi precipita la forma potrei secondo te foderare di carta forno una pentola in alluminio che ho in casa delle dimensioni idonee all'impasto che ne pensi??
    un'altro quesito
    vorrei farne uno al cioccolato
    ma non vorrei che precipitasse tutto in basso, mi hanno detto di congelare o infarinare il cioccolato tu che mi consigli.

    scusa la lungaggine del messaggio
    ciao e grazie
    lucia

    RispondiElimina
  50. Sono l'unica stupida che non ha capito come si fa? Sotto la carta forno a stella c'è altra carta forno? Perchè nella foto vedo un cerchio nero che sembra di carta forno ma...
    E poi non mi è chiaro il passaggio in cui di ottiene il cono di cilindro...aiuto!DEvo fare il panettone domani!

    RispondiElimina
  51. lucia, scusa ma ho visto solo ora.
    Puoi cuocere in una pentola, ma il problema è che non potrai farlo raffreddare capovolto. La realizzazione di questo stampo è semplicissima, difficile sbagliare.
    Il panettone non ha la consistenza del pan di spagna, cioccolato, canditi o quant'altro non possono precipitare in basso.

    valina, sotto la stella ho messo un foglio di carta teflonato, per evidenziare il tutto, metti tranquillamente della carta forno.
    Lascia perdere la forma conica (che è un pò più difficile da realizzare), facendola cilindrica viene bene uguale.

    RispondiElimina
  52. Quindi lo stampo è semplicemente costruito con la stella di base e il cilindro attorno?

    RispondiElimina
  53. si, per questo sotto ci vuole della carta forno.

    RispondiElimina
  54. Grazie mille!!! Stasera parto col primo impasto!! Però non seguo la tua ricetta...perdono!! :-D

    RispondiElimina
  55. complimenti dopo che ho dato uno sguardo veloce non c'e' bisogno di andare avanti x capire che un ottimo lavoro

    RispondiElimina
  56. facendole con i ltuo metodo ho capito una cosa: la stella alla base deve essere fatta con strisce larghe, cosa che non ho tenuto in considerazione mentre le facevo!! Infatti poi mi usciva dai buchi l'impasto, quindi ho 'corretto' ammodomio ;D .. non ti dico cosa è venuto fuori di forma... ahahahah ho cnusmato quasi una confezione di carta da forno! va beh amen :D prox volta lo so (anzi, ora sto comprando delle forme per panettone online ;)

    RispondiElimina
  57. fiordivanilla, rimangono dei piccoli spazi aperti, ma poggiandoli su carta forno l'impasto non esce, sempre che sia incordato.

    RispondiElimina
  58. Ciao Adriano,
    scrivo qui perchè non sono riuscita a trovare il tu indirizzo e-mail.
    Ti faccio innanzitutto i complimenti: sei bravissimo!!!
    Poi vorrei chiederti una paio di cosine.
    Uno: che significa "incordare"?
    Due: io ho il Bimby, posso incordare anche con quello? O magari a mano...
    Tre: il lievito madre o naturale è indispensabile per le preparazioni dei lievitati o si può ottenere un risultato simile anche preparando una biga o con il lievito di birra o con il lievitino???
    Ti ringrazio anticipatamente.
    Rossella

    RispondiElimina
  59. rossella, l'incordatura corrisponde con lo sviluppo massivo del glutine: l'impasto cambia aspetto, diventa legato, elastico, molto liscio e semilucido.
    Non conosco il bimby, ma ho sentito dire che rende a scaldare troppo gli impasti.
    Quasi titte le mie ricette prevedono biga et simila.

    RispondiElimina
  60. Ho adottato questo stampo per il panettone che ho realizzato ieri: è venuto benissimo!
    Ai primi di gennaio vorrei realizzare il pandoro, ma sono priva di uno stampo delle giuste dimensioni (nè mi è possibile reperire quello classico a stella: è esaurito ovunque): credi che potrei provare a sfruttare questo del panettone?

    RispondiElimina
  61. celine, certo che puoi utilizzarlo, ricordandoti però di capovolgerlo una volta fuori dal forno. Fammi sapere.

    RispondiElimina
  62. Adriano, abitando in Inghilterra non trovo gli stampi e grazie alle tue istruzioni dettagliate me li sono creati e cosi sono riuscita a fare il panettone. Grazie infinite.

    RispondiElimina
  63. Scusa non e' uscito il nome. Messaggio precedente da Daniela, Windsor

    RispondiElimina
  64. daniela, mi fa piacere di esserti stato utile.

    RispondiElimina
  65. Ho provato a usare questo stampo, sia per 500g che per 1kg, fantastico, funziona divinamente. Quello da 1kg tiene con 4 bande, basta pinzarle bene. grazie davvero per il suggerimento, per gli stampi di silicone volevano 24 euro cad...e quelli di carta non li spreco per il panettone gastronomico che va presentato senza.
    grazie

    RispondiElimina
  66. Assolutissimamente fantastica idea!
    Non ho potuto esimermi dal linkare il tutto sul mio blog!
    http://casalinga-autodidatta.blogspot.com/2010/11/stampi-per-panettoni.html
    Complimenti!

    RispondiElimina
  67. Ciao Adriano, un saluto dall Equatore...piú specificamente da Quito, il tuo stampo fatto in casa mi lascia dei dubbi :
    1) Non capisco lo scopo delle stricioline
    2)Pensavo come usare come teglia uno stampo di silicona, in tal caso spillare le famigerate striscioline non mi sembra adatto...suggerimenti?
    un grazie anticipato Paolo

    RispondiElimina
  68. Grazie Adriano!!! Dopo svariati tentativi finalmente uno stampo "casalingo" che tiene bene la forma e consente di lasciarlo asciugare a testa in giu'. Qua in Irlanda e' fantascienza pensare di trovarne uno! Confermo che ha tenuto benissimo anche cucito con ago e filo (non avevo la puntatrice ed ero bloccata a casa dalla neve!). Adesso si comincia ad entrare nel clima del Natale...
    grazie ancora
    Martina

    RispondiElimina
  69. paolo, le striscioline servono per comporre la base e lagarla alla corona. La base in silicone puoi utillizzarla per poggiarci lo stampo da cuocere.

    martina, ago e filo?? un bel da fare! ;)

    RispondiElimina
  70. ciao Adriano, complimentissimi per le tante ricette e consigli che ci dai.
    mi sono permessa si linkare questa pagina sul mio blog perchè ho usato questo tuo procedimento per fare il panettone.
    http://tatinafairy.blogspot.com/2010/12/panettone-con-il-bimby.html

    grazie mille
    nel caso in cui volessi che tolga il link fammelo sapere

    RispondiElimina
  71. tatina, tranquilla, va benissimo ;)

    RispondiElimina
  72. Un dubbio sugli stampi: ma quando poi giri i panettoni per farli raffreddare non scivolano via dagli stampi?
    Bastano i ferri a trattenerli?
    Ciao e grazie, Cinzia

    RispondiElimina
  73. cinzia, non scivolano, gli spiedini prendono stampo e impasto.

    RispondiElimina
  74. ¡Pero qué bueno! Aquí andaba yo buscando como una loca un molde para el panettone salado y mira por donde, me has solucionado el tema. ¡Mil gracias!

    RispondiElimina
  75. Finalmenteeeee!!!! Qui in Spagna é difficilissimo incontrare degli stampi..oggi stesso mi metto a costruire il molde...Grazie milleeee!!!!

    RispondiElimina
  76. Non vedo l'ora di provarci anch'io!!! Che idea geniale... complimenti!
    Ho messo un link a questa pagina dal mio piccolo blog appena nato, dove parlo di panettone fatto in casa:

    http:silviabloggerincucina.blogspot.com

    E buone feste a tutti!!!!

    RispondiElimina
  77. complimenti xl'idea io non riuscivo a trovare lo stampo grazie mille

    RispondiElimina
  78. cercavo uno stampo per pandoro..ed eccomi sul tuo blog!
    da oggi ti seguo, se ti va passa a trovarmi :)

    RispondiElimina
  79. ottima idea! al super mercato sono introvabili, gli ultimi che ho trovato costano tanto, 4,50 euro di due stampi, grazie provo

    RispondiElimina
  80. stefano, caspita, è davvero tanto...

    RispondiElimina
  81. Scusate ma.... Non si capisce un tubo.

    - Nella prima foto, quel cerchio brunastro sotto le strisce di carta da forno, cos'è? Il testo dice di appoggiare les 4 strisce su un altro foglio di carta da forno... E' forse carta da forno bruna perché già utilizzata in precedenza? Boh...
    - "mettendo la piegatura naturale sotto": cioé? Cos'è la piegatura "naturale"? Quella che ho fatto io piegando il foglio oppure un altra? Perché "naturale"?
    - Un "tronco di cilindro"?!? In geometria un tronco di cilindro è un cilindro "tagliato" da un piano in diagonale. Quello che si vede nella foto è un cilindro. Oppure ho capito male io?
    - "a cottura finita si può tranquillamente infilzare e capovolgere.": infilzare cosa? Come? Con che cosa? Capovolgere? Perché dovei infilzare e capovolgere un panettone?

    RispondiElimina
  82. L'ho fatto e funziona bene, ottima idea, grazie.

    Mi rimangono i dubbi circa le domande qui sopra ma... Amen! Ci sono riuscito lo stesso.
    Forse sono le istruzioni che sono un po' macchinose? In realtà la realizzazione dello stampo è molto più semplice di quel che si deduce da testo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mathias devi infilzare lo stampo alla base con due spiedini che entrino dentro il panettone ed escano dall'altro lato allo scopo di reggerli sottosopra, il panettone deve raffreddare sottosopra altrimenti rischia di afflosciarsi e poi anche perchè in questo modo il burro che si scioglie si ridistribuisce nell'impasto.

      Elimina
  83. Grazie ! Un'idea favolosa per avere a disposizione stampi per panettoni in ogni momento.Il Natale s'avvicina ed io voglio proprio provare:)

    RispondiElimina
  84. scusa, ma la spillatrice da usare sarebbe quella da ufficio? Potrà sembrarati una domanda stupida ma le spille non si ossidano? grazie mille per la risposta, perchè vorrei provare fare io il panettone quest'anno con il mio lievito madre, ma gli stampi sono introvabili, lo fanno apposta per non farceli fare a casa;))?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, si, ma non hanno il tempo si arruginire, il pirottino va tolto dopo il raffreddamento.

      Elimina
  85. complimenti e grazie, sono settimane che cerco gli stampi, ma ne trovo solo in rete e confezioni da 500 pz. in su, un po' troppi...

    RispondiElimina
  86. grazie mille mille mille per tutto ricette e consigli

    RispondiElimina